Usare lo smartphone per calcolare la distanza iperfocale

In uno dei primi articoli abbiamo parlato diffusamente della distanza iperfocale, che ci è utile per scattare foto con una messa a fuoco tale da garantirci la migliore profondità di campo.

Hyperfocal Distance

Come abbiamo visto, esiste una formula che ci consente di calcolare a che distanza mettere a fuoco, data una certa lunghezza focale (ovviamente normalizzata in base al tipo di sensore) e l’apertura del diaframma; a me però sinceramente non è mai capitato di usarla in situazioni realistiche. Non è pensabile usare carta e penna per fare una foto, e infatti molti fotografi sanno bene che esistono in commercio delle tabelle che è possibile sfruttare in queste situazioni.

Nel 2011 non esiste niente di meglio? Ho scoperto recentemente che per il mio smartphone Android esiste un’applicazione gratuita chiamata “Hyperfocal Distance” che consente di specificare i vari parametri dello scatto per ottenere istantaneamente la distanza iperfocale.

All’atto pratico questa applicazione è davvero comoda, anche perché ad esempio consente di inserire la lunghezza focale standard (quella cioé che è indicata sull’obiettivo) e poi di inserire il tipo di sensore (es. APS-C Canon) in modo che esegua lui la conversione in base al crop factor.

Ad esempio se imposto 50mm su APS-C 1.6x con diaframma 9 il risultato immediato è 17.36 metri; mettendo quindi a fuoco a quella distanza otteniamo una profondità di campo che va da circa 8 metri e mezzo all’infinito.

Pratico, no? Spero che questo piccolo trucco ti sia stato utile, e se è così ti chiedo di condividere questo articolo e dirci come la pensi! Mi raccomando, ci contiamo! 😉

Alla prossima!

Condividi:

Autore: Paolo Niccolò Giubelli

Paolo Niccolò Giubelli nasce a Ferrara il 29 agosto 1983. Frequenta il liceo scientifico A.Roiti e poi la facoltà di ingneria informatica di Ferrara, dove si laurea nel 2007. Appassionato fin da piccolissimo all'informatica, nel 2006 è cofondatore dell'azienda ITestense di Ferrara, in cui da allora lavora nel settore internet, dove capisce che il ruolo dell'immagine, e quindi della fotografia, è fondamentale. Dal dicembre 2010 è cofondatore, assieme all'amico e collega Bruno Faccini, del blog "Occhio Del Fotografo", nato dall'idea di fondere la nostra competenza sul mondo internet con il nostro hobby preferito: la fotografia.

Condividi post su

12 Comments

  1. Personalmente ho un Samsung galaxy S con Android e non ho ancora provato ad utilizzare questa app, più che altro perché nella pratica di solito è sufficiente conoscere il principio dell'iperfocale e tenere a mente un paio di distanze di messa a fuoco per ottenere l'effetto desiderato.

    Certamente però avere un calcolatore di iperfocale così fa figo! 😀

    Post a Reply
  2. Secondo me è piuttosto utile se si ha il concetto delle distanze. Purtroppo negli obiettivi la scala delle distanze va molto spesso all'infinito "troppo presto" e quindi bisogna avere un certo occhio.

    Post a Reply
  3. Ho letto la scheda da Wikipedia sulla distanza iperfocale e ho una domanda da neofita: in parole povere che ci fai con l'iperfocale? 🙂 Serve anche quando usi la macchina con l'autofocus?

    Post a Reply
  4. Sì lo puoi usare anche con l'autofocus. E' un metodo che usi per fare in modo di essere sicuro che a partire da una certa distanza fino all'infinito l'immagine sia sufficientemente a fuoco. E' utile quando vuoi fare una foto con un oggetto in primo piano e uno sfondo. Questo metodo ti dice a quale distanza mettere a fuoco (con o senza autofocus) in base ai parametri impostati sulla reflex.

    Post a Reply
  5. Credevo che con limitate aperture del diaframma la profondità di campo fosse generalmente discreta.

    Cmq ho afferrato, grazie! 😉

    Post a Reply
  6. Un utilizzo intelligente dello smartphone o una perdita di tempo?

    Post a Reply
  7. Personalmente ho un Samsung galaxy S con Android e non ho ancora provato ad utilizzare questa app, più che altro perché nella pratica di solito è sufficiente conoscere il principio dell’iperfocale e tenere a mente un paio di distanze di messa a fuoco per ottenere l’effetto desiderato.

    Certamente però avere un calcolatore di iperfocale così fa figo! 😀

    Post a Reply
  8. Secondo me è piuttosto utile se si ha il concetto delle distanze. Purtroppo negli obiettivi la scala delle distanze va molto spesso all’infinito “troppo presto” e quindi bisogna avere un certo occhio.

    Post a Reply
  9. esiste un programmino simile per iPhone

    Post a Reply

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookies Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Cosa sono i cookies? Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all'altra. Come utilizziamo i cookies? Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Come controllare i cookies? Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi – per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l'installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili.

Chiudi