Continua lo speciale dedicato al Ferrara Balloons Festival 2011, e in questo articolo tratteremo il tema: la fotografia notturna al festival.

La fotografia notturna, per definizione, va praticata quando la luce presente sulla scena è quella delle stelle e della luna, oppure quella proveniente da sorgenti artificiali quali lampioni o fari delle autovettore.

Solitamente è molto rilassante fotografare di notte, perché tutti dormono e si ha la tranquillità di poter scegliere l’inquadratura giusta di un panorama o di una stradina deserta…

Al Festival delle mongolfiere, invece, è stata semplicemente un inferno. Vediamo insieme perché.

Io e Paolo Niccolò abbiamo scelto di fotografare in notturna durante uno spettacolo chiamato “Night Glow”, una coreografia in cui le mongolfiere presenti si illuminano a tempo di musica. Nutrivamo grandi aspettative per questo show… purtroppo però, sono state in gran parte deluse da uno scarsissimo numero di mongolfiere, non più di 7-8, da una pressoché totale assenza di sincronia con le tracce musicali e da una durata di circa 20-25 minuti in tutto dell’esibizione.

L’attrezzatura che avevamo con noi era la seguente:

  • 2 treppiedi
  • 2 fotocamere reflex Canon EOS 550 D
  • 2 Teleobiettivi Canon EF 24-105mm F/4 L IS USM
  • 1 Super teleobiettivo EF 70-200mm F/4 L IS USM
  • 1 Obiettivo grandangolare Sigma 8-16 mm

Una volta arrivati vicino all’area delle mongolfiere, transennata e non accessibile se non ai fotografi accreditati e alle persone autorizzate (giustamente, per ragioni di sicurezza), abbiamo deciso di dividerci e affrontare lo show da due punti di vista differenti.

Io ho cercato di stare un po’ distante, montando il 70-200, mentre Paolo Niccolò ha cercato di intrufolarsi il più vicino possibile alle transenne e di usare focali più corte.

Dopo aver individuato una postazione interessante per inquadrare lo spettacolo, mi sono trovato subito in difficoltà, sia a causa della numerosa gente accalcata vicino alla zona dello spettacolo, che mi impediva di inquadrare la base delle mongolfiere, sia a causa delle persone “di passaggio” davanti e a lato della mia postazione.

Un bambino che correva ha perfino rischiato di far cadere la mia attrezzatura, e i genitori (maleducati) si sono completamente disinteressati della cosa.

A quel punto, proprio al cominciare dello show, ho deciso di sfruttare al massimo la mia attrezzatura: una volta sganciata la reflex dal treppiede, ho aumentato la sensibilità ISO a 800 (talvolta a 1600), facendo fede sull’eccellente stabilizzatore del 70-200.
In questo contesto infatti i soggetti da fotografare erano lontani da me e compivano lente oscillazioni, quindi la velocità relativa a cui si muovevano era bassa. Questa considerazione mi ha permesso di ottenere soggetti fermi scattando a tempi dell’ordine di 1/20 -1/40 di secondo.  
Riflettere, sul campo, sulle velocità di spostamento dei soggetti da fotografare è fondamentale per riuscire a controllare l’effetto di movimento che si vuole trasmettere nella foto.

Quella sera ho scattato sempre così. A mano libera, trattenendo il respiro prima di chiudere l’otturatore.

Io invece, Paolo Niccolò, ho scattato le mie foto con il Canon 24-105 e con il grandangolare Sigma. Ho sempre mantenuto la macchina sul treppiede, e devo dire che la mia postazione non era affatto male per usare le focali corte, dato che ero piuttosto vicino ad alcune mongolfiere. L’unico problema sorto col grandangolare è che quando ho fatto qualche prova a 8mm ho catturato più volte le “mani” di quelli che stavano (molto) vicino a me; siccome però 8mm era una focale poco utile, data comunque la distanza tra me e gli aerostati, grazie al cielo non è stato un problema. Questo conferma però che l’uso di un grandangolare molto spinto è difficile non solo per via della gestione dell’esposizione, ma anche per via della composizione, specie quando si è in mezzo alla calca.

Ho deciso di usare la modalità manuale (M) della macchina, cosa che ormai faccio molto raramente. Questo perché dovevo costantemente lavorare in sottoesposizione, e quindi vincolarmi alle scelte dell’esposimetro non aveva molto senso. Del resto, quello che volevo catturare era appunto il “glowing” e quindi era sufficiente catturare le fiammate di luce immerse nel buio. Ho scattato prevalentemente a 800 ISO, raramente a 1600, con tempi di scatto dell’ordine dell’1/10 – 1/30 di secondo. L’unica eccezione è stata una lunga esposizione (5 secondi) in cui si vedono chiaramente i movimenti degli addetti al gonfiaggio e dei fotografi, mentre l’oscillazione del pallone centrale è talmente scarsa che l’aerostato sembra perfettamente fermo.

[nggallery id=14]

<< Torna alla pagina principale del Ferrara Balloons Festival e scopri gli altri articoli

Ti è piaciuta questo articolo? Se sì ci farebbe davvero piacere se volessi condividerlo sui social network usando i pulsanti qui sotto e se cliccassi sul tasto G+ al fine di renderlo più  accessibile sui motori di ricerca. Se poi non vuoi perderti nemmeno un nostro video o articolo, clicca su “Mi piace” nella nostra pagina Facebook, seguici su Twitter e abbonati gratuitamente al nostro feed RSS! Grazie![/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Bruno Faccini

Bruno Faccini

L'autore

Ferrara, classe 1983, laurea magistrale in Ingegneria dell’Informazione, creativo, suono la chitarra elettrica e adoro i videogiochi.

4 Commenti

  1. Valeria Caffiero

    MOLTO UTILE GRAZIE!!!

    Rispondi
  2. Valeria Caffiero

    MOLTO UTILE GRAZIE!!!

    Rispondi
  3. L'occhio del fotografo

    Seconda parte dell’articolo dedicato alle mongolfiere a Ferrara, dedicato al tema della fotografia notturna. Hai provato a fotografare anche tu di sera al festival? Raccontaci la tua esperienza!

    Rispondi
  4. L'occhio del fotografo

    Seconda parte dell'articolo dedicato alle mongolfiere a Ferrara, dedicato al tema della fotografia notturna. Hai provato a fotografare anche tu di sera al festival? Raccontaci la tua esperienza!

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Il panning

Il panning

Domenica scorsa ero al Lido Degli Estensi, sul terrazzo di casa mia, in un...

Effetto Bokeh

Effetto Bokeh

Cos'è l'effetto bokeh? In questo breve articolo vogliamo parlare del bokeh,...