Speciale Buskers a Ferrara – Domenica 28

Ferrara Buskers Festival 2011 - Giorno 10Ultimo giorno di Buskers a Ferrara.  Questo, quindi, è l’articolo conclusivo che dedichiamo ad un evento che ci ha davvero appassionato. Speriamo di essere riusciti, tramite i nostri racconti e, soprattutto, con le nostre fotografie, a farvi camminare nella magica atmosfera di una delle più belle città d’Italia che si è riempita, per dieci giorni, di buona musica, sorrisi, maschere e colori.

Sono le 17:30 quando iniziamo a fotografare. Bruno parte da Porta Reno dove viene avvolto dalla sonorità del sud proveniente da una band la cui violinista, timida, suona tenendo gli occhi bassi. Bruno, però, riesce a catturare un suo sguardo sfuggente che svela tutta la passione che ha dentro. Paolo Niccolò, invece, arriva da via Savonarola, dove incontra, per primo, Fred Menendez, intento a suonare la doppia chitarra, mentre un orsacchiotto del vicino negozio di giocattoli inonda la strada di bolle di sapone.

Passando vicino a San Romano assistiamo allo spettacolo degli Oum Tcha, la cui precisione ritmica é impressionante. Il batterista, mentre suona, ha un modo particolarmente interessante di muoversi ed anche le espressioni del suo viso sono piuttosto curiose. Sarà forse per il suo look anni ’50 che siamo riusciti a scattare alcune foto che ricordano lo stile di Kubrick?

Ci incamminiamo verso la statua di Savonarola, davanti alla quale suona un duo composto da una cantante francese di origine libanese e da un ragazzo israeliano; il loro nome é  Ilhaam Project, suonano una musica ipnotica, cadenzata, basata su loops registrati al momento dal microfono. Le loro melodie sono malinconiche, dal sapore etnico e l’affiatamento tra i due musicisti é totale. L’impressione è che siano quasi una cosa sola.

Proseguiamo sul lato del Castello Estense che conduce all’incrocio dei “4S”. Ritroviamo The Vince, bravissimo cantante e chitarrista solista, immortalato in qualche posa.

Svoltato l’angolo, ci fermiamo a guardare lo spettacolo di un giocoliere cileno (forse un pó pazzo!) che, salito sul monociclo e presi i coltelli, inizia ad inseguire un’ignara vecchietta di passaggio nella sua zona. Il suo numero è davvero trascinante e ci cattura per svariati minuti. Il suo modo imprevedibile di coinvolgere gli spettatori ti fa sentire nello spettacolo, e infatti ha interagito anche con noi, dandoci degli amichevoli spintoni quando ci siamo avvicinati per fare qualche scatto.

Andiamo poi nella piazzetta del Municipio, passando per via Garibaldi, dove un arzillo prestigiatore e la sua assistente cercano di incantare il pubblico di bambini facendo passare un grosso ago attraverso un palloncino che….al primo tentativo però scoppia. “Second attempt!” dice il mago e, stavolta, il numero riesce.

Finisce la memoria della macchina fotografica e ormai si fa tardi. La strada del ritorno è già in parte occupata dalle prime foglie gialle, che tradiscono un’estate ormai agli sgoccioli. Cala il sipario e da domani tutto tornerà come prima, in attesa della prossima edizione!

Vogliamo ringraziare tutti voi, che ci avete premiato con i vostri commenti e i vostri accessi. Ci fa piacere, in particolare, aver ricevuto i complimenti di molti buskers che si sono rivisti immortalati nelle foto del nostro blog… per noi è davvero una grande soddisfazione!

Vi vogliamo salutare con una frase che si è sentita molte volte al termine degli spettacoli degli artisti di strada:

Bene, signore e signori, sta per iniziare l’ultima parte dello spettacolo. Prima voglio ricordarvi, però, che noi siamo artisti di strada. Questo è il nostro lavoro. Quindi, se lo spettacolo vi è piaciuto, vi chiediamo di farci un’offerta, quello che volete. Se invece non vi è piaciuto, potete andare via senza lasciarci nulla. Se vi è piaciuto ma non avete soldi, allora non preoccupatevi, siete nostri ospiti.

Allo stesso modo vi chiediamo, se vi è piaciuto questo reportage, di cliccare su “Mi piace”, +1 o di condividere l’articolo sul vostro social network. E non dimenticatevi di abbonarvi gratuitamente al nostro feed RSS!

<< Giorno precedente

Vedi tutti gli articoli dello speciale Buskers Festival 2011

Photogallery

Condividi:

Autore: Bruno Faccini

Vivo a Ferrara e mi occupo prevalentemente di tecniche di comunicazione orientate al web, con particolare attenzione agli aspetti che coinvolgono visual marketing e storytelling. Dal 2006 sono socio co-fondatore di ITestense, società di servizi per aziende. Nel 2008 ho conseguito una Laurea Magistrale in Ingegneria dell’Informazione e continuato con particolare attenzione per l’utilizzo di mezzi visuali. Da sempre appassionato alle arti creative, nel 2011 ho dato vita insieme a Paolo Niccolo Giubelli all’entusiasmante progetto Occhio del Fotografo, con cui abbiamo raggiunto il traguardo del podcast più visto su iTunes Italia. Profilo Linkedin

Condividi post su

8 Comments

  1. Finalmente online l'articolo conclusivo del nostro reportage. Vi preannunciamo già che abbiamo in serbo altre sorprese relativamente a questo evento.. ma le scoprirete a tempo debito! Diteci la vostra, vi è piaciuto il progetto?

    Post a Reply
  2. Grazie Giuseppe!! Troppo gentile.. quando ci vediamo te le faccio vedere bene!

    Post a Reply
  3. Finalmente online l’articolo conclusivo del nostro reportage. Vi preannunciamo già che abbiamo in serbo altre sorprese relativamente a questo evento.. ma le scoprirete a tempo debito! Diteci la vostra, vi è piaciuto il progetto?

    Post a Reply
  4. complimenti bellissimo articolo e foto stupende

    Post a Reply
  5. Grazie Giuseppe!! Troppo gentile.. quando ci vediamo te le faccio vedere bene!

    Post a Reply
  6. Complimenti per le foto, brevemente mi indichereste i parametri che avete usato? Ho da poco acquistato un 50mm 1.8 G e vorrei sfruttarlo bene per i ritratti. Ciao grazie.

    Post a Reply
  7. Complimenti per le foto, brevemente mi indichereste i parametri che avete usato? Ho da poco acquistato un 50mm 1.8 G e vorrei sfruttarlo bene per i ritratti. Ciao grazie.

    Post a Reply

Trackbacks/Pingbacks

  1. Speciale Buskers a Ferrara – Sabato 27 | L'occhio del fotografo - [...] Navigazione articolo ← Precedente Successivo → [...]

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookies Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Cosa sono i cookies? Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all'altra. Come utilizziamo i cookies? Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Come controllare i cookies? Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi – per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l'installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili.

Chiudi