Foto del terremoto a Ferrara

Sogno, ma come spesso capita, non ricordo precisamente che cosa. Ad un certo punto il sogno diventa un incubo, in cui mi sentro tremare.

Mi sveglio e in un secondo capisco di essere nel bel mezzo di un terremoto davvero potente. Tutto trema e sembra non finire mai. Non conto i secondi, ma sicuramente sono tanti. Penso al cane (Domitilla!) e ho paura che si spaventi. Certo del fatto che a Ferrara i terremoti non sono pericolosi resto fermo e calmo finché non finisce.

Osservo il lampadario della mia camera da letto, e da come oscilla capisco che c’è il rischio che cada tutto. Poi apro la porta e il cane corre da me. Non è molto spaventato, ma sicuramente è felice di vedermi. Dopo essermi accertato che non ci fossero danni gravi vado in terrazza e trovo già molte persone, abitanti della mia via, che coperte da una vestaglia si scambiano i primi commenti.

Le notizie arrivano solo da twitter. Su SKYTG24 solo un piccolo titolo che scorre nella parte bassa del monitor. Arrivano i primi numeri. Grado 4. Grado 6.2. Grado 5.9. Epicentro tra il modenese e il ferrarese. Poco più tardi la notizia che si sperava non arrivasse: ci sono dei morti. Operai nelle fabbriche di Sant’Agostino perdono la vita, schiacciati dal crollo dei tetti.

Stamattina ho fatto un rapido giro per la città, che sta reagendo al meglio. In piazza non è difficile capire di che cosa parla la gente, e quasi ovunque si vedono le transenne collocate dai vigili del fuoco, dai carabinieri e della protezione civile che indicano masse pericolanti e calcinacci.

Si tratta prevalentemente di tegole cadute, ma non mancano anche casi più gravi di macchine schiacciate da blocchi di pietra.

foto-terremoto-ferrara-maggio-2012_17

Quello che davvero mi ha colpito è stato il nostro bellissimo castello estense, gravemente danneggiato in una delle sue torri.

foto-terremoto-ferrara-maggio-2012_24

Un grazie va davvero a tutte le forze dell’ordine e a chi si sta prendendo cura con grande impegno e tempestività per la sistemazione della città.

Condividi:

Autore: Paolo Niccolò Giubelli

Paolo Niccolò Giubelli nasce a Ferrara il 29 agosto 1983. Frequenta il liceo scientifico A.Roiti e poi la facoltà di ingneria informatica di Ferrara, dove si laurea nel 2007. Appassionato fin da piccolissimo all'informatica, nel 2006 è cofondatore dell'azienda ITestense di Ferrara, in cui da allora lavora nel settore internet, dove capisce che il ruolo dell'immagine, e quindi della fotografia, è fondamentale. Dal dicembre 2010 è cofondatore, assieme all'amico e collega Bruno Faccini, del blog "Occhio Del Fotografo", nato dall'idea di fondere la nostra competenza sul mondo internet con il nostro hobby preferito: la fotografia.

Condividi post su

30 Comments

  1. Piccolo reportage del terremoto che ha colpito il ferrarese questa notte.

    Post a Reply
  2. quanto male fa vedere queste foto e sapere di essere al sicuro quando la tua famiglia è potenzialmente in pericolo…

    Post a Reply
  3. quanto male fa vedere queste foto e sapere di essere al sicuro quando la tua famiglia è potenzialmente in pericolo…

    Post a Reply
  4. Un abbraccio da Roma a tutta la popolazione colpita da questo sisma.

    Post a Reply
  5. Un abbraccio da Roma a tutta la popolazione colpita da questo sisma.

    Post a Reply
  6. Grazie!

    Post a Reply
  7. e meno male che la nostra zona non era a rischio…..che paura

    Post a Reply
  8. ….tutto cio' e' agghiacciante….!Vi sono vicina…!Prego che tutto si risolva per il meglio e al piu' presto!

    Post a Reply
  9. ….tutto cio’ e’ agghiacciante….!Vi sono vicina…!Prego che tutto si risolva per il meglio e al piu’ presto!

    Post a Reply
  10. quando la natura si vendica dell’uomo

    Post a Reply
  11. ..un incubo..poi oggi con la pioggia è ancora più tetro lo scenario..

    Post a Reply
  12. ..un incubo..poi oggi con la pioggia è ancora più tetro lo scenario..

    Post a Reply
  13. Io come sempre ero li sono stato uno dei primi ad intervenire

    Post a Reply
  14. Io come sempre ero li sono stato uno dei primi ad intervenire

    Post a Reply
  15. una notte che non scorderò…)))

    Post a Reply
  16. Ragazzi, l'ho sentito perfino da Firenze, ho acceso la luce e il lampadario si muoveva. Mi immagino da voi, la paura, l'ansia. Vi sono vicino.

    Post a Reply
  17. Ragazzi, l’ho sentito perfino da Firenze, ho acceso la luce e il lampadario si muoveva. Mi immagino da voi, la paura, l’ansia. Vi sono vicino.

    Post a Reply
  18. Forza ragazzi siamo con voi! Un saluto da Milano..

    Post a Reply
  19. Forza ragazzi siamo con voi! Un saluto da Milano..

    Post a Reply

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookies Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Cosa sono i cookies? Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all'altra. Come utilizziamo i cookies? Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Come controllare i cookies? Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi – per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l'installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili.

Chiudi