Composizione – Regola dei terzi e linee compositive

 

La composizione e’ una parte importantissima della fotografia: con essa decidiamo come disporre il soggetto nell’immagine e scegliamo che cosa immortalare e che cosa lasciare fuori dal frame. La regola dei terzi e’ senz’altro una delle piu’ importanti, perche’ ci spiega come sbilanciare un’immagine per renderla piu’ interessante.

(aggiornamento 2019)

Se hai da poco iniziato a dedicarti alla fotografia e non hai ancora cominciato ad interessarti alla composizione, molto probabilmente sarai abituato a posizionare il tuo soggetto al centro della foto.
Quasi sicuramente ti sarai accorto che questo tipo di scatto non ti convince del tutto, ti sembra quasi banale e risulta evidente la mancanza di quel tocco in grado di renderlo “professionale”.

In questo articolo spiegheremo una semplice regola, che ti permetterà di scattare fotografie più belle, in grado di catturare maggiormente l’attenzione dell’osservatore.

Cos’è la regola dei terzi?

Si tratta di una regola compositiva, utilizzata in passato nella pittura e molto usata in fotografia. Consiste nel suddividere la nostra inquadratura in 9 rettangoli di pari dimensioni. Per farlo devi utilizzare due linee orizzontali e due linee verticali (linee immaginarie chiamate linee di forza), in maniera che suddividano in tre parti uguali i lati dell’inquadratura.
L’immagine sottostante mostra che il procedimento è più facile di quanto sembri.

 

Regola dei terzi: linee compositive e punti di forza

Esempio di utilizzo della regola dei terzi, dove una delle linee di forza orizzontali segna la separazione tra spiaggia e mare.

 

Dall’immagine puoi notare come la foto venga divisa in 9 riquadri di pari dimensioni. I punti in cui le linee di forza si intersecano sono detti punti di forza e sono 4.

Molto probabilmente avrai già notato questo tipo di griglia, poichè viene mostrata nel display di alcune moderne fotocamere o in alcuni smartphone.

Come rendere più belle le foto seguendo questa regola?

Dovrai semplicemente seguire alcuni semplici accorgimenti.

Un soggetto decentrato riesce a catturare maggiormente l’attenzione dell’osservatore e il tuo scatto risulterà più dinamico e meno banale. Puoi usare le linee di forza verticali per allineare il soggetto principale e i punti di forza per attirare l’attenzione su di un particolare.
Per esempio nel fotografare un ritratto puoi sbilanciare l’intera immagine, posizionando lateralmente il soggetto su di una delle due linee di forza orizzontali e far coincidere la posizione degli occhi con uno dei punti di forza.

La regola dei terzi è molto utile anche nella fotografia di paesaggi e in questo caso ti sono molto utili le linee di forza orizzontali.
Se osservi la prima foto, puoi benissimo notare come la linea di forza inferiore corrisponde alla separazione tra acqua e spiaggia. Questo porta a dare maggiore importanza al mare. Se avessimo scattato la foto facendo coincidere la separazione tra acqua e sabbia con la linea di forza superiore, avremmo focalizzato l’attenzione dell’osservatore sulla spiaggia.

Puoi servirti della regola dei terzi e delle linee di forza orizzontali nel fotografare i paesaggi per posizionare la linea dell’orizzonte, potendo così assegnare maggiore importanza al paesaggio o al cielo.

 

Regola dei terzi: linee compositive e punti di forza

Esempio di utilizzo della regola dei terzi nella fotografia di paesaggio, sfruttando le linee compositive.

 

Come mostra l’immagine qui sopra, puoi sfruttare le linee compositive che ti fornisce l’ambiente e utilizzare sia linee, che punti di forza per comporre il tuo scatto. La linea di forza superiore evidenzia la separazione tra paesaggio e mare, mentre quella inferiore separa i due diversi tipi di terreno. Il soggetto è posizionato in corrispondenza del punto di forza in basso a sinistra e da esso parte la curva immaginaria che si sviluppa con l’andamento del paesaggio nella parte superiore destra.

Guarda il video all’inizio dell’articolo, dove mostreremo dei semplici esempi pratici e spiegheremo anche come prestare attenzione alle linee compositive, che possono guidare l’occhio dell’osservatore dove vogliamo noi.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Se sì, ci farebbe davvero piacere se volessi condividerlo sui social network usando i pulsanti qui sotto. Se poi non vuoi perderti nemmeno un nostro video o articolo, clicca su “Mi piace” nella nostra pagina Facebook, iscriviti al nostro canale YouTube, oppure seguici su Instagram, su Twitter e abbonati gratuitamente al nostro feed RSS! Grazie!

Condividi:

Autore: Paolo Niccolò Giubelli

Paolo Niccolò Giubelli nasce a Ferrara il 29 agosto 1983. Frequenta il liceo scientifico A.Roiti e poi la facoltà di ingneria informatica di Ferrara, dove si laurea nel 2007. Appassionato fin da piccolissimo all'informatica, nel 2006 è cofondatore dell'azienda ITestense di Ferrara, in cui da allora lavora nel settore internet, dove capisce che il ruolo dell'immagine, e quindi della fotografia, è fondamentale. Dal dicembre 2010 è cofondatore, assieme all'amico e collega Bruno Faccini, del blog "Occhio Del Fotografo", nato dall'idea di fondere la nostra competenza sul mondo internet con il nostro hobby preferito: la fotografia.

Condividi post su

40 Comments

  1. La composizione non è solo un insieme di regole, ma un vero e proprio modo di pensare e di vedere le cose che ci circondano. Questa è una puntata fondamentale, guardatela con attenzione ed esercitatevi a lungo. La conoscevate già? Ah… Buon 2013!! 🙂

    Post a Reply
  2. siete sempre grandi grazie a voi adesso usa la mia reflex in manuale una domanda ma nelle reflex c'e' la funzione griglia? nella mia non la trovo……. auguri anche a voi di un sereno 2013

    Post a Reply
  3. Grazie:)

    Post a Reply
  4. Buon anno a Voi ragazzi! 😉

    Post a Reply
  5. Buongiorno e buon anno 🙂

    vorrei sapere se possibile che filtro sta usando Bruno nel video.

    Grazie 🙂

    Post a Reply
  6. tanti auguri ragazzi, ed ottima lezione come sempre! Utile e molto interessante!

    Post a Reply
  7. tanti auguri ragazzi, ed ottima lezione come sempre! Utile e molto interessante!

    Post a Reply
  8. Ottimi consigli!!! peccato la mia macchina non ha il reticolo sul mirino per potermi esercitate per bene :(((((( ma solo in live view…

    Post a Reply
  9. grazie ragazzi siete fantastici

    Post a Reply
  10. ancora una volta un ottimo lavoro….. grazie ragazzi…!!!

    Post a Reply
  11. grazie a voi e alle vostre lezioni ho una visione amatoriale della foto decisamente migliore, anche se ovvio il professionista e tutto un altra cosa.

    Post a Reply
  12. Ricordate che le griglie (che noi abbiamo mostrato in sovrimpressione) non sono presenti nelle fotocamere (se non nelle modalità LiveView). Dovete però iniziare ad immaginarle quando state componendo la foto!

    Post a Reply
  13. Ottimo video…..pura curiosita' con che telecamera fate le riprese???

    Post a Reply
  14. ottimo video(come al solito tra l'altro) solo che la mia D7000 ha la divisione in quarti e non in terzi 🙁

    Post a Reply
  15. Grandi la regola già la conescevo ma grazie a voi ho potuto ristudiarla in una maniera solo e ed efficace alla prox.

    Post a Reply
  16. Certo che a Capo Verde potevate trovare un soggetto un po' migliore di un ferro arrugginito! comunque avete reso l'idea anche se le foto non sono proprio artistiche….

    Post a Reply
  17. Buon 2013 a voi..anche se un po' in ritardo!! Grazie come sempre per il vostro ottimo lavoro!! Ciao ciao

    Post a Reply
  18. é un ottimo consiglio, posso applicarlo anche con le foto fatte agli oggetti del profondo cielo, sono sicuro che li farà risalta ancora di più.

    Post a Reply
  19. sono libero…

    Post a Reply
  20. Complimenti!! Molto molto interessante!! Grazie per tutte le dritte che ci insegnate!

    Post a Reply
  21. Grazie ottima lezione, domada: nella cannon eos 1100d la griglia la vedo solo nel display? Ho visto nel video che tu riuscivi a vederla anche nel mirino.

    Post a Reply
  22. Interesserebbe anche a me. Thanks.

    Post a Reply
  23. Complimenti. Ottima lezione e fantastico modo di esporre!

    Post a Reply
  24. Bravi per la chiarezza espositiva e semplicità di comprensione. Vorrei, però, avere delucidazioni sulla composizione quando la foto viene scattata in posizione verticale.
    Grazie e cordialità.

    Post a Reply

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookies Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Cosa sono i cookies? Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all'altra. Come utilizziamo i cookies? Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Come controllare i cookies? Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi – per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l'installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili.

Chiudi