Come fotografare i fuochi d’artificio

Foto fuochi d'artificio - occhiodelfotografo.com

 

Le occasioni durante l’anno per poter assistere a spettacoli pirotecnici non sono tantissime. Saper fotografare i fuochi d’artificio può essere fonte di grandi soddisfazioni, per questo, bisogna essere pronti e preparati a catturare queste esplosioni colorate. 
Innanzitutto, sapere che tipo di attrezzatura fotografica portare con sé e quali parametri impostare sulla nostra reflex può fare la differenza per scattare foto di fuchi d’artificio, in quanto i fuochi durano pochi minuti o, al massimo alcune decine di minuti, e non si ha quindi molto tempo durante lo spettacolo per fare delle prove.

 

Indice

 

La preparazione per fotografare fuochi d’artificio

Per ottenere il massimo dalla scena che ci troveremo davanti, occorre un po’ di lavoro di studio a casa, da fare prima di recarci sul posto.

Cerchiamo di capire esattamente dove si terrà lo spettacolo e di analizzare i dintorni del posto (l’ideale sarebbe effettuare un sopralluogo giornaliero in loco):

– ci sono punti panoramici con visuale sulla scena principale, di particolare bellezza, nei dintorni? conoscere una cornice panoramica di particolare effetto potrebbe essere la chiave per effettuare foto splendide durante i fuochi artificiali.

– il posto sarà raggiungibile facilmente la sera? Cerchiamo di premurarci che ci sia un parcheggio non lontano o che non siano altri fastidiosi ostacoli che si potrebbero rivelare fatali per la nostra sessione di fotografia serale.

in che direzione soffia il vento? Durante l’esecuzione dello show pirotecnico, si creano grandi quantità di fumo e trovarsi controvento rispetto alla scena potrebbe impedire di scattare foto di qualità.

Rispondere a queste domande non è obbligatorio, ma aumenta moltissimo la probabilità che tutto vada al meglio durante la fase operativa.

 

Attrezzatura

L’attrezzatura consigliata per fotografare fuochi d’artificio è la seguente:

  • fotocamera;
  • treppiede: avremo bisogno di scattare con tempi lunghi. Avere un treppiede ci aiuta molto nella fase di composizione. Se proprio non lo si ha, si può sempre ricorrere al alternativa di appoggiare la reflex su qualcosa di stabile;
  • (fortemente consigliato) telecomandino per lo scatto remoto / cavetto per scatto remoto: molto utile perché permette di utilizzare al meglio la modalità di scatto BULB;
  • Teleobiettivo: utile per riprendere dettagli delle esplosioni dei fuochi. Ad esempio un 70-200mm.;
  • Obiettivo grandangolare: da usare per esaltare il panorama.

Consiglio inoltre di portare con sé una piccola torcia, che può tornare sempre utile quando si fa fotografia notturna.

 

La composizione e la tecnica per fotografare fuochi d’artificio

Personalmente, per fotografare i fuochi d’artificio, prediligo una composizione di tipo verticale, in quanto la dinamica dei fuochi d’artificio si sviluppa verso l’alto. Mi piace cercare elementi che catturino i riflessi dei fuochi, ad esempio laghi/fiumi/mare o qualsiasi superficie d’acqua o vetrate di palazzi riflettenti.

In caso invece voglia esaltare la visuale panoramica, perché di grande impatto, è molto bella anche la composizione orizzontale. Pensate alle classiche foto panoramiche delle grandi città a capodanno!

 

Vediamo ora i parametri di scatto

Per ottenere delle belle foto di fuochi d’artificio, occorre utilizzare la modalità interamente manuale M con ISO 100, 4 secondi di tempo di scatto, messa a fuoco (manuale) ad infinito e diaframma a F/11. Questi sono valori che, solitamente, vanno bene, ma il consiglio è di fare uno scatto di prova all’inizio dello spettacolo e valutare se l’esposizione è corretta: eventualmente correggete variando i tempi di scatto tra i 3 e i 7 secondi. Se usate il treppiede ricordate di disattivare lo stabilizzatore dall’obiettivo.

Qualora la vostra fotocamera vi permetta di usare la modalità Posa BULB (su Canon, “posa B” su Nikon, Pentax, Olympus e molte altre marche cercate le modalità per lunghe esposizioni), vi consiglio caldamente di usarla. In questa modalità è possibile controllare solo l’apertura del diaframma e la sensibilità ISO e occorre tenere premuto il pulsante di scatto per il numero di secondi che vogliamo far durare l’esposizione. Altro parametro molto importante, se la vostra fotocamera è una reflex e ti permette di farlo, attivare la modalità “blocco specchio”, per evitare il micromosso dovuto alle vibrazioni meccaniche dello specchio che si alza e si abbassa sul sensore. Con le mirrorless invece non c’è questo problema (come dice il nome, “senza specchio”).

Ricordate che è importantissimo scattare guardando lo spettacolo e cercando il momento migliore per iniziare a imprimere la scena sul sensore della reflex: una volta sistemata la composizione, e i parametri della reflex, il giusto tempismo è la chiave per ottenere le foto migliori.

Capite quindi che il controller remoto è fondamentale per poter avere maggior controllo sul momento di scatto, oltre che per evitare di trasmettere vibrazioni alla fotocamera! In caso invece non lo abbiate, utilizzate la modalità di scatto “autoscatto” (con un tempo breve) e la modalità M!

 

E UNA VOLTA A CASA COME POSSO SVILUPPARE AL MEGLIO LE MIE FOTO?

Iniziare la fase di post produzione da uno scatto già buono è fondamentale, ma è innegabile che conoscendo bene il software di foto ritocco si possono fare miracoli ed esaltare al massimo il potenziale di una fotografia.
Se usi già Adobe Lightroom e vuoi approfondire o vuoi iniziare ad utilizzarlo, forse potrebbe esserti utile il nostro corso completo di oltre 5 ore, disponibile sulla nostra piattaforma di apprendimento digitale Cheese! Impara, sfida e divertiti

 

Galleria di immagini di fuochi d’artificio

 

Altri tutorial fotografici

Se sei interessato agli articoli e tutorial pratici sulla fotografia, ti consigliamo questi:

 

Valuta questo articolo

Nome
Valutazione

 

Ti è piaciuto questo articolo? Se sì, ci farebbe davvero piacere se volessi condividerlo sui social network usando i pulsanti qui sotto. Se poi non vuoi perderti nemmeno un nostro video o articolo, clicca su “Mi piace” nella nostra pagina Facebook, iscriviti al nostro canale YouTube, oppure seguici su Instagram, Grazie!

Condividi:

Autore: Bruno Faccini

Vivo a Ferrara e mi occupo prevalentemente di tecniche di comunicazione orientate al web, con particolare attenzione agli aspetti che coinvolgono visual marketing e storytelling. Dal 2006 sono socio co-fondatore di ITestense, società di servizi per aziende. Nel 2008 ho conseguito una Laurea Magistrale in Ingegneria dell’Informazione e continuato con particolare attenzione per l’utilizzo di mezzi visuali. Da sempre appassionato alle arti creative, nel 2011 ho dato vita insieme a Paolo Niccolo Giubelli all’entusiasmante progetto Occhio del Fotografo, con cui abbiamo raggiunto il traguardo del podcast più visto su iTunes Italia. Profilo Linkedin

Condividi post su

38 Comments

  1. Siete stati alla notte rosa ma le foto dei fuochi d'artificio sono venute male? Leggete e segnatevi questo articolo, non sbaglierete più.

    Post a Reply
  2. Si può usare la stessa tecnica per i Fulmini ?

    Post a Reply
  3. Ciao Riccardo, certo! Lunga esposizione è la tecnica giusta. Ovviamente di giorno hai troppa luce, rischi di "annegare" di luce l'immagine. Per questo ti occorrerebbe anche un filtro ND!

    Post a Reply
  4. Pensavo di fotografare il temporale di notte o secondo me , la situazione migliore è in tarda serata o all’alba , nella speranza che questa estate non piova sempre di giorno. Cmq siete semplici e molto esaustivi. Complimenti

    Post a Reply
  5. ciao bruno è un po che vi seguo, ho visto con molta attenzione i vostri videotutorial. volevo un consiglio ho una D7000 e un 10-20 f/3,5 sigma. che filtro mi consigli per i paesaggi? grazie

    Post a Reply
  6. la modalità Posa BULB (su Canon, “posa B” mi puoi spiegare kuesta frase,io ho una canon 1000d,lo so ke nn è il massimo,ma x me è una bella figata,mi diverto un casino a fare foto,grz ciao

    Post a Reply
  7. Beh ma finché non percepisci i limiti di una reflex ti puoi solo divertire! 😀 La modalità bulb (che usi nella modalità Tv o Manuale) semplicemente indica che il tempo di scatto lo decidi tu tenendo premuto il tasto di scatto. Se lo tieni premuto 10 minuti, l'esposizione durerà 10 minuti, e così via. Se la usi molto, ti conviene prendere un controllo remoto, per evitare di perdere l'uso del dito a forza di tenere premuto! ;-D

    Post a Reply
  8. Michele, prendi in considerazione anche l'utilizzo di filtri ND per ottenere lunghe esposizioni in pieno giorno! in questo modo potrai ottenere l'effetto seta con i corsi d'acqua (o al mare) oppure creare delle scie con lo spostamento delle nuvole!

    Post a Reply
  9. volevo sapere da voi se con un obiettivo 55-250mm canon si riesce a fotografare i fuochi d'artificio con la stessa impostazione del 70-200..grazie siete i migliori maestri da voi sto imparando molto PS ho lò stabilizzatore e non ho il treppiedi è uguale?..

    Post a Reply
  10. Bruno e Paolo complimenti vivissimi….da poco mi sono appassionato alla fotografia….ho una semplice fotocamera bridge….e faccio molto tesoro dei vostri consigli…..penso in futuro di fare un corso per perfezionare questa passione….e di prendere una fotocamera reflex…..continuate con questo sito e i videocorsi….sono semplici e di aiuto per tutti noi inesperti che ci avviciniamo al mondo della fotografia…..grazie e buon lavoro….

    Post a Reply
  11. Grazie ragazzi, con la mia Canon 600D ho seguito i vs. consigli ed ho ottenuto dei magnifici fuochi d'artificio, vi continuerò a seguire bravi

    Post a Reply
  12. Tutto perfetto ma che fare se lo sfondo è un paese molto illuminato?

    Ho finalmente acquistato una reflex e la sera stessa nel mio paese c'era lo spettacolo pirotecnico e ho pensato… Qual miglior modo di inaugurare l'acquisto?

    Lo sfondo è il mio bellissimo paese molto illuminato..

    Ho proceduto in questo modo
    Ho scattato in manuale con cavalletto cercando di trovare una giusta esposizione per lo sfondo poi ho messo a fuoco i fuochi e quindi ho iniziato gli scatti il risultato non è stato ottimo e vorrei un vostro parere su gli scatti così da capire dove ho sbagliato come posso fare? Ciao e grazie ancora!!!

    Post a Reply
  13. Grazie dei consigli che ci date,Vorrei farvi vedere qualche foto dei fuochi d'artificio( se è possibile) eventualmente fatemi sapere.Grazie ancora

    Post a Reply
  14. Ciao Marco! Se non riesci ad ottenere dei buoni risultati accorciando i tempi di esposizione, l'unica è ricorrere ad un filtro ND graduato, utile per far passare meno luce in una parte della foto! Ne parleremo più avanti comunque, tranquillo!

    Post a Reply
  15. Volevo farvi i complimenti per il video-corso e chiedervi un consiglio sui valori di apertura del diaframma, iso e tempo di scatto per fotografare un cielo stellato in modo da mettere in risalto queste ultime.
    Grazie mille

    Post a Reply
  16. Articolo molto chiaro;ma per un amatore della fotografia non esiste un “bigino”con indicate le esposizioni -iso-……. Per tutte le situazioni? Alessandro

    Post a Reply
  17. Grazie per gli esaurienti consigli. Buoni scatti!

    Post a Reply
  18. complimenti ragazzi!!!

    Post a Reply
  19. Grazie dei consigli! “illuminanti” come sempre! 😉 BUON ANNO!!! E BUONA LUCE!! 🙂

    Post a Reply
  20. Grazieeeeeee!!! Ottimi consigli

    Post a Reply
  21. Grazie di avermi fornito non solo queste spiegazioni per fotografare in notturna, ma anche per tutti i tutorial che ho seguito con interesse ed ottimi risultati…continuerò a seguirvi !!!
    Non potreste pensare anche ad un tutorial su come fotografare un falò in notturna ???
    Ciaoooooo

    Post a Reply
  22. Grazie di cuore per la chiarissima spiegazione !!!

    Post a Reply
  23. Grazie 1000 . Devo dire che è un po che ho scoperto il vostro sito e mi piace davvero. Siete molto professionali ma allo stesso tempo anche molto semplici nelle spiegazioni anche più complicate.
    Sul web non ci sono molti che offrono così tanto e ben fatto a costo 0 come voi due . Complimenti.
    Luca

    Post a Reply
  24. Ciao come devo fare per la messa a fuoco?

    Post a Reply
  25. Ho fatto tesoro del tuo consiglio ci riprovero’
    Le esperienze precedenti non sono state un granche’, e chiaro che dovrò’ prendermi del tempo e non arrivare all’ultimo momento. Ti faro’ sapere buone feste e grazie per i buoni consigli.

    Post a Reply

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookies Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Cosa sono i cookies? Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all'altra. Come utilizziamo i cookies? Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Come controllare i cookies? Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi – per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l'installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili.

Chiudi