Analizziamo insieme una foto: Bubbling bear di Bruno Faccini

Con questo articolo ha inizio una sezione del blog in cui vogliamo analizzare alcune foto e chiedere all’autore un commento su di esse, in modo da rendere utile e interessante a tutti i lettori l’analisi.

In questo caso l’autore sono io stesso, e la foto che ho scattato si intitola  “Bubbling bear

Bubbling bear

L’intento che sta dietro a questa foto è quello di catturare la magia che da tanti anni quest’orsetto trasmette ai bambini che passano nelle sue vicinanze, nel centro storico di Ferrara.

Il soggetto principale della foto è proprio l’orso, che soffiando crea delle bolle di sapone che fluttuano nelle antiche vie di Ferrara, incuriosendo i passanti e consentendo loro di ritornare per un attimo infinito bambini, facendole scoppiare con un dito.

Ho voluto mettere in evidenza queste ultime ponendole tra due gruppi di luci natalizie in lontananza, con il cosiddetto effetto bokeh (quei cerchi di luce sfuocati), ottenuto grazie alla focale di 155mm / f4 usata per lo scatto in abbinata alla distanza dal soggetto piuttosto ravvicinata (circa 3 metri).

In questa fotografia ritengo importante sottolineare 2 aspetti che la rendono efficace:

  • la composizione: il soggetto principale è posto sulla linea del primo terzo in orizzontale, mentre sulla destra le linee date dalle bolle e dalle luci sfuocate convergono verso la testa dell’orso. Si nota poi che le luci sfocate sembrano indicare quasi come frecce sia l’orso che le bolle, quindi dirigono naturalmente l’occhio verso i due soggetti. Dalla suddivisione data dalle linee immaginarie orizzontali si nota che ci sono le luci in alto, le bolle in mezzo e le altre luci in basso, con un perfetto riempimento degli spazi, che rendono armonica e piacevole alla vista l’immagine.
  • lo sfuocato: per far letteralmente uscire il soggetto dalla foto, lo sfuocato è un ottima tecnica, in quanto consente di far ricadere l’attenzione di chi guarda la foto (e non sa a priori qual’era il messaggio che volevamo trasmettere) su qualcosa di particolare.

La magia di questa scena a mio parere è resa bene dalla scelta di scattare di sera e dall’utilizzo della tecnica dello sfuocato, che trasmette emozioni inconsce allo spettatore e dal richiamo doppio alla figura del cerchio, una delle più affascinanti da sempre, data appunto dalle bolle e dai cerchi delle luci sfocate.

A breve pubblicheremo articoli più dettagliati su questi aspetti compositivi, e sulle altre tecniche citate.

Sono graditi i commenti su questa foto, in modo da rendere costruttiva il più possibile questa analisi. Dite la vostra!

Ti è piaciuto questo articolo? Se sì, ci farebbe davvero piacere se volessi condividerlo sui social network usando i pulsanti qui sotto. Se poi non vuoi perderti nemmeno un nostro video o articolo, clicca su “Mi piace” nella nostra pagina Facebook, iscriviti al nostro canale YouTube, oppure seguici su Instagram, su Twitter e abbonati gratuitamente al nostro feed RSS! Grazie!

Condividi:

Autore: Bruno Faccini

Vivo a Ferrara e mi occupo prevalentemente di tecniche di comunicazione orientate al web, con particolare attenzione agli aspetti che coinvolgono visual marketing e storytelling. Dal 2006 sono socio co-fondatore di ITestense, società di servizi per aziende. Nel 2008 ho conseguito una Laurea Magistrale in Ingegneria dell’Informazione e continuato con particolare attenzione per l’utilizzo di mezzi visuali. Da sempre appassionato alle arti creative, nel 2011 ho dato vita insieme a Paolo Niccolo Giubelli all’entusiasmante progetto Occhio del Fotografo, con cui abbiamo raggiunto il traguardo del podcast più visto su iTunes Italia. Profilo Linkedin

Condividi post su

9 Comments

  1. voglio imparare anch'io a fare foto cosi' …..adesso seguo il corso..professore!!!!!!!!!!!!!!

    Post a Reply
  2. voglio imparare anch’io a fare foto cosi’ …..adesso seguo il corso..professore!!!!!!!!!!!!!!

    Post a Reply
  3. grazie delle belle lezioni

    Post a Reply
  4. grazie delle belle lezioni

    Post a Reply
  5. Un corso di fotografia è sempre una ricchezza a patto che siano fatti bene. Complimenti per la buona qualità, mi permetto solo di aggiungere che le regole sono importanti ma non fondamentali, l'arte non ha confini o regole ed è ciò che suscita curiosità e stupore che fa di una immagine un capolavoro.

    Post a Reply
  6. Un corso di fotografia è sempre una ricchezza a patto che siano fatti bene. Complimenti per la buona qualità, mi permetto solo di aggiungere che le regole sono importanti ma non fondamentali, l’arte non ha confini o regole ed è ciò che suscita curiosità e stupore che fa di una immagine un capolavoro.

    Post a Reply
  7. bella composizione! Personalmente ho molto apprezzato la cattura in leggero movimento delle bolle..danno il senso dell'azione. L'esposizione serale lascia anche una certa curiosità sul soggetto della foto…solo ad un'attenta analisi si comprende che sia un orso…

    Post a Reply
  8. bella composizione! Personalmente ho molto apprezzato la cattura in leggero movimento delle bolle..danno il senso dell’azione. L’esposizione serale lascia anche una certa curiosità sul soggetto della foto…solo ad un’attenta analisi si comprende che sia un orso…

    Post a Reply
  9. Ho iniziato a seguirvi, complimenti per tutti i consigli e per il corso

    Post a Reply

Trackbacks/Pingbacks

  1. Tweets that mention Analizziamo insieme una foto: Bubbling bear di Bruno Faccini | L'occhio del fotografo -- Topsy.com - [...] This post was mentioned on Twitter by Paolo Giubelli. Paolo Giubelli said: RT @occhiofotografo: La magia di un #orso…
  2. Bokeh | L'occhio del fotografo - [...] esempio di bokeh che evidenzia una parte del soggetto, e in particolare una crepa di un mattone. In una…

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *