Si può fare fotografia con l’iPhone?

Da alcuni anni le fotocamere compatte hanno un concorrente agguerritissimo: lo smartphone. E’ sempre nelle nostre tasche, è facile da usare ed è soprattutto collegato ad internet… che cosa si può volere di più? La risposta è: la qualità delle foto e la possibilità di gestire appieno lo scatto. Tuttavia chi ha provato la fotocamera degli ultimi iPhone, dei Lumia e di altri smartphone avrà avuto modo di osservare come ormai ci siano ben pochi motivi per acquistare una compatta di base.

Sebbene ora gli evidenti limiti tecnici rendano il discorso prematuro, non pochi già si sono chiesti se un giorno questi telefonini supereranno le reflex. Ma può essere davvero così?

Un confronto sulla qualità dell’immagine

La qualità dell’immagine dello smartphone non è ancora paragonabile a quella di una reflex, anche se la differenza non è sempre così evidente per un occhio non esperto.

Ecco un confronto tra una foto scattata con iPhone 6 e una con la 5D Mark II, con crop al 100%, nessuna postelaborazione (escluso il bilanciamento del bianco e un lievissimo adattamento dell’esposizione).

Canon 5D Mk II + Canon EF 16-35 L USM: ISO 1250 – f/5.6 – 1/30 – 22mm

iPhone 6: ISO 250 – f/2.2 – 1/24 – 4,15mm

Suggeriamo di cliccare sulle immagini per vedere meglio la differenza (si noti che l’immagine della reflex è più ingrandita perché il sensore ha più megapixel).

Crop 100% reflex

Crop 100% reflex – Zoomare per vedere meglio

Crop 100% iPhone

Crop 100% iPhone – Zoomare per vedere meglio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come si può notare, la riduzione del rumore effettuata dall’iPhone e la compressione JPEG rendoo l’immagine “artefatta” e si perdono i dettagli, nonostante gli ISO fossero a malapena 250, contro i 1250 della reflex.

Si possono notare anche effetti un po’ strani (il bordo del tavolo in vetro sembra un’onda) dovuti probabilmente ad una compressione dell’immagine un po’ difficoltosa dove l’immagine è complessa.

altrodett_reflex

Reflex – dettaglio del tavolo

altrodett_iphone

iPhone – dettaglio del tavolo

 

 

 

 

 

 

Si noti inoltre come la fotocamera dell’iPhone dia una maggiore profondità di campo nonostante il diaframma sia decisamente più aperto (clic per ingrandire).

È evidente anche la differenza di formato: la reflex usa il “classico” 3:2, mentre gli smartphone solitamente usano il 4:3.

 

full_reflex

Reflex – foto completa

iPhone – foto completa

 

 

 

 

 

 

 

Fotografare con lo smartphone

Basta guardarsi intorno per rendersi conto di quanto stia diventando popolare la fotografia fatta con smartphone; addirittura ci sono corsi professionali dedicati a questa disciplina, e pare che i maggiori social network di fotografia (a cominciare da Flickr, che di certo non è nato con una vocazione “mobile”) vedano quella dell‘iPhone come la fotocamera più usata!

Chi vuole cimentarsi nella fotografia di strada, all’inizio può percepire grandi vantaggi dall’utilizzo del telefonino. Con un po’ di abilità è possibile far finta di leggere la posta elettronica mentre si scatta una foto da molto vicino al soggetto (occhio però a pubblicare la foto su internet!) proprio durante una sua azione curiosa che ha catturato la nostra attenzione. Neanche il fotografo di street più navigato può avere sempre la reflex con sé, e se gli capita la giusta situazione può fare uno scatto indimenticabile anche col telefonino: la sua esperienza e la sua capacità rimangono sempre le stesse, cambia solo il mezzo.

L’utilizzo di app come Instagram può poi rendere molto divertente il confronto con altre persone, e nonostante molti fotografi della vecchia generazione spesso snobbino queste tecnologie,  esse si sono di fatto già radicate nelle abitudini dei giovani e degli adulti.

Sarebbe da pazzi dire che la fotografia con smartphone sostituirà nel breve periodo la fotografia tradizionale fatta con reflex e obiettivi, ma sicuramente renderà sensato l’acquisto di una reflex solo per coloro che vogliono imparare a fondo la fotografia, rinunciando alle semplificazioni tecniche in favore della ricerca di un proprio stile che richieda sempre il pieno controllo dello scatto, senza omologarsi agli effetti grafici di una software house.

Quali sono però i vantaggi che la reflex ha ancora sullo smartphone?

  • disponibilità di ottiche di qualità; sicuramente possono iniziare a preoccuparsi coloro che producono obiettivi “tuttofare economici”
  • ottiche intercambiabili; esistono soluzioni anche per smartphone, ma non è proprio la stessa cosa
  • controllo totale sull’immagine; impostare diaframmi, ISO, tempi di scatto e focali sul cellulare è quasi sempre impossibile, anche se la prossima versione di Android – Lollipop – avrà delle feature in tal senso, ma del resto una delle chiavi del successo del telefonino è dato dalla estrema semplificazione tecnica
  • qualità dei sensori: il costo della reflex è motivato anche dall’uso di sensori fotografici più grandi e di qualità maggiore, a parità di tecnologia usata, anche se il grande divario di qualche anno fa ora si è accorciato; questo si riflette in una immagine molto più nitida anche in condizioni di luce difficile
  • disponibilità di accessori professionali
  • formato RAW dell’immagine

Quali sono invece i vantaggi dello smartphone rispetto alla reflex?

  • leggerezza e portabilità
  • facilità d’uso
  • costo
  • connettività e utilizzo di software

Tuttavia è mia abitudine vedere non solo i limiti delle nuove tecnologie, ma anche le nuove possibilità.

E’ del tutto evidente che per un utilizzo professionale, nei casi in cui la qualità deve essere la più alta possibile, la reflex è l’unico strumento usabile. Se però lo scopo è quello di fare qualche bella foto, lo smartphone è più che sufficiente per studiare concetti come la composizione, le luci e il rapporto col soggetto provando direttamente sul campo. Quante volte si vedono foto fatte con la reflex dove sono evidenti gravi lacune nella tecnica?

Un altro fatto che non trascurerei è la creatività (anche se odio questo termine). Un fotografo che nel corso di anni di pratica ha maturato una certa cultura dell’immagine, oltre che uno stile e un linguaggio personali, potrà a volte ottenere risultati professionali e di grande valore anche con la fotocamera dello smartphone, se non addirittura sfruttare consapevolmente proprio i limiti, i vantaggi e i difetti di questa macchina fotografica di “serie b” per ottenere immagini che, se fatte con la reflex, richiederebbero più postproduzione.

Insomma, lo smartphone ha sostituito la compatta perché è più flessibile, portatile e non ne sacrifica la qualità. Questo ci consente di fare ancora più foto e divertirci anche in occasioni in cui prima non potevamo farlo. Quindi: benvenuto smartphone, ti presento la mia reflex!

Ti è piaciuto questo articolo? Se sì ci farebbe davvero piacere se volessi condividerlo sui social network usando i pulsanti qui sotto e se cliccassi sul tasto G+ al fine di renderlo più  accessibile sui motori di ricerca. Se poi non vuoi perderti nemmeno un nostro video o articolo, clicca su “Mi piace” nella nostra pagina Facebook, seguici su Twitter e abbonati gratuitamente al nostro feed RSS! Grazie!

Author: Paolo Niccolò Giubelli

Paolo Niccolò Giubelli nasce a Ferrara il 29 agosto 1983. Frequenta il liceo scientifico A.Roiti e poi la facoltà di ingneria informatica di Ferrara, dove si laurea nel 2007. Appassionato fin da piccolissimo all'informatica, nel 2006 è cofondatore dell'azienda ITestense di Ferrara, in cui da allora lavora nel settore internet, dove capisce che il ruolo dell'immagine, e quindi della fotografia, è fondamentale. Dal dicembre 2010 è cofondatore, assieme all'amico e collega Bruno Faccini, del blog "Occhio Del Fotografo", nato dall'idea di fondere la nostra competenza sul mondo internet con il nostro hobby preferito: la fotografia.

Share This Post On

2 Comments

  1. Ciao, leggendo l’articolo e rimanendo in tema di fotografia-smartphone, pensavo sarebbe interessante prendere in considerazione anche il gran lavoro fatto su alcuni Lumia come il 1020 e il 930, potenziati proprio nella fotocamera. Pur rimanendo consapevoli dell’abisso tecnico e qualitativo con le reflex in generale, credo che per molti versi, come sottolineato nell’articolo, certi camera-phone stiano offrendo un mezzo “diverso” e migliore delle fotocamere compatte. Ho letto questo articolo con interesse proprio perchè, da foto amatore-principiante quale sono, ho seguito un percorso strano ed avventato (dettato più da mancanza di tempo e denaro): iniziato con una reflex entry level (EOS 450D), sono passato ad una compatta manuale(Olympus XZ1) per maggiore portabilità e adeguatezza alle mie capacità, per arrivare ora a valutare la possibilità di avere sempre a portata di mano una discreta camera integrata nel telefono che senza troppe pretese potrebbe dare soddisfazioni…

    Post a Reply
  2. E’ decisivo camminare in città con un iPhone Può capitare di tutto , la visione di un avvenimento , di un muro , di un angolo di strada che non hai cercato per la fotografia ma che in quel momento ti prende per essere fotografato e allora usi facilmente ed agilmente il telefono senza tante complicazioni…

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookies Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Cosa sono i cookies? Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all'altra. Come utilizziamo i cookies? Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Come controllare i cookies? Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi – per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l'installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili.

Chiudi

Altro... Blog e pensieri
Fotografare per catturare un’epoca

Una foto rivista a distanza di tempo è capace di regalare emozioni strettamente connesse al momento in cui è stata scattata e questa, in fondo, è magia.

Chiudi