Il soffietto



Mesi fa scoprii a che cosa serviva quella specie di prolunga fatta a “fisarmonica” che mi ero ritrovato in casa: il soffietto. Eccone una foto:

Soffietto Pentax

Ricorda molto le prime macchine fotografiche, quelle che ora vediamo nei film, ed è molto utile per effettuare la fotografia macro.

Esistono due tipi di soffietti in commercio, quelli che semplicemente scorrono lungo un paio di binari e quelli che consentono anche il tilt e lo shift.

Come funziona il soffietto? L’installazione è semplice: si collega da una parte la macchina fotografica e dall’altra un obiettivo. Io sono riuscito ad avere risultati interessanti solo con un 50mm, e girando per la rete ho visto che effettivamente questa è la focale più usata in queste situazioni. Ad esempio col 200mm non riuscivo a mettere a fuoco nulla.

Una volta sistemata l’attrezzatura, si può notare come facendo espandere il soffietto si ottenga un ingrandimento molto forte del soggetto, fino anche a creare una vera e propria “magnification“. Il principio di funzionamento è intuitivo, e volendo semplificare si può riassumere così: si aumenta la lunghezza focale effettiva (distanziando la prima lente dal piano del sensore) mantenendo invariata la minima distanza di messa a fuoco; questo significa che possiamo avere l’oggetto anche a pochi mm dalla lente! Tutto questo ci regala immagini davvero particolari, tanto è vero che costruendosi un piccolo set fotografico, con un paio di luci, un treppiede e qualche sostegno, possiamo fare foto molto suggestive agli oggetti di uso più comune… basterà girare per casa e cercare, usando la fantasia!

L’unico problema di questo tipo di soffietto è che la profondità di campo è davvero limitata (anche 2-3mm) e questo è uno svantaggio, perché in certe situazioni vorremmo avere maggiore controllo sulla sfocatura. Questo problema viene risolto dai soffietti più completi, quelli del secondo tipo.

Il secondo tipo di soffietto è quello che consente di emulare un po’ quello che fanno le lenti tilt&shift. In questo caso la parte espandibile è montata su un sistema snodabile che a sua volta scorre sul binario. Purtroppo il soffietto che ho trovato in casa non è di questo tipo, ma se mi capiterà un’occasione non esiterò a procurarmelo, perché da quello che ho visto si possono ottenere risultati davvero interessanti, soprattutto in ambito professionale. In questo caso non abbiamo solo la possibilità di aumentare la lunghezza focale e quindi l’ingrandimento, ma addirittura possiamo decentrare e far basculare la lente.

Decentrare, sia in senso verticale che orizzontale, significa che la lente rimane parallela al piano del sensore, ma non è più centrata su quest’ultimo. Il basculaggio dell’obiettivo, invece, è una vera e propria rotazione della lente sul proprio asse.

Chi utilizza gli obiettivi tilt&shit sa che decentramento e basculaggio consentono di ottenere, rispettivamente:

  • Controllo della prospettiva ed eliminazione delle linee cadenti quando si fotografano palazzi e monumenti dal basso
  • Profondità di campo notevolmente più estesa rispetto a quello che si ottiene con la semplice chiusura del diaframma
In questo caso ci interessa soprattutto il secondo punto: grazie al basculaggio, possiamo inclinare la lente rispetto al piano del sensore in modo da far passare la linea di fuoco attraverso il soggetto, o, in altre parole, fare in modo che il piano di fuoco non sia più parallelo al nostro sensore ma all’orientamento del soggetto. Questo ci consente di avere un soggetto fotografato in modalità macro che risulta perfettamente a fuoco in tutta la sua interezza.
Decentramento e basculaggio
Nello schema riportato poco sopra si nota infatti che facendo ruotare la lente e orientandola lungo l’asse dei bicchieri, non abbiamo più un bicchiere in primo piano ed uno in secondo (dal punto di vista del fuoco), e quindi essi risulteranno equidistanti dal piano del sensore, e dunque saranno a fuoco.
Ti è piaciuto questo articolo? Allora dimostracelo! Clicca su “Mi piace” e su “+1”, condividilo con i tuoi amici e lasciaci il tuo commento! Grazie e alla prossima.

Author: Paolo Niccolò Giubelli

Paolo Niccolò Giubelli nasce a Ferrara il 29 agosto 1983. Frequenta il liceo scientifico A.Roiti e poi la facoltà di ingneria informatica di Ferrara, dove si laurea nel 2007. Appassionato fin da piccolissimo all'informatica, nel 2006 è cofondatore dell'azienda ITestense di Ferrara, in cui da allora lavora nel settore internet, dove capisce che il ruolo dell'immagine, e quindi della fotografia, è fondamentale. Dal dicembre 2010 è cofondatore, assieme all'amico e collega Bruno Faccini, del blog "Occhio Del Fotografo", nato dall'idea di fondere la nostra competenza sul mondo internet con il nostro hobby preferito: la fotografia.

Share This Post On

14 Comments

  1. Avete per casa un vecchio soffietto? Si può usare per fare fotografie macro, lo sapevate?

    Post a Reply
  2. Volendo riuscivi a farla ben nitida con il tuo attrezzo (mi par di ricordare che mesi fa parlavi di un soffietto per reflex analogica adattato per farlo andare sulla tua 550d), tipo scansione con scanner piano?

    Post a Reply
  3. Qualcuno sa dove posso trovare un software di dimensionamento e calcolo di un soffietto per fotocamera?

    Post a Reply
  4. Avete per casa un vecchio soffietto? Si può usare per fare fotografie macro, lo sapevate?

    Post a Reply
  5. Volendo riuscivi a farla ben nitida con il tuo attrezzo (mi par di ricordare che mesi fa parlavi di un soffietto per reflex analogica adattato per farlo andare sulla tua 550d), tipo scansione con scanner piano?

    Post a Reply
  6. Avete per casa un vecchio soffietto? Si può usare per fare fotografie macro, lo sapevate?

    Post a Reply
  7. Qualcuno sa dove posso trovare un software di dimensionamento e calcolo di un soffietto per fotocamera?

    Post a Reply
  8. Che cosa intendi di preciso?

    Post a Reply
  9. Paolo Niccolò Giubelli Mi piace perchè non conosco la macro e quindi ignoravo che con un soffietto si può avere un obiettivo macro, io il soffietto provo ad autocostruirlo,per la stenopeica, ora mi informerò sugli attacchi.

    Post a Reply
  10. sarebbe interessante precisare quale diventa il diaframma se l’allungamento è paria alla focale. Io ritengo che u 32 diventi 64.
    Impossibile scattare con luce solare , tuttavia PdC quasi nulla.
    Chiedo parere in merito.Grazie

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookies Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Cosa sono i cookies? Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all'altra. Come utilizziamo i cookies? Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Come controllare i cookies? Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi – per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l'installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili.

Chiudi

Altro... Fotocamera, ottiche, accessori
Canon 24-105
Canon 24-105mm f/4 L IS USM, la nostra scelta (Parte 2)

Continua il racconto sui motivi che ci hanno spinto a scegliere l'obiettivo Canon 24-105mm f/4 L IS USM (la prima parte la potete leggere qui). La mia situazione era diversa rispetto a quella di Paolo, in quanto il mio unico obiettivo davvero buono era il 70-200mm f/4 L IS USM,...

Chiudi