Fotografare per catturare un’epoca



IMG_0266

Vecchia pubblicità del Caffè Paulista (Lavazza)

Oggi, mentre camminavo per arrivare in ufficio, stavo pensando a come è bello rivedere le vecchie pubblicità. Negli spot pubblicitari, soprattutto in quelli ben riusciti, è condensato tutto lo spirito di un’epoca, di un preciso periodo storico. Gli oggetti che usiamo quotidianamente per anni entrano a far parte dei nostri ricordi in modo profondo, solo che quasi non ce ne accorgiamo perché siamo poco sensibili all’accorgerci degli eventi che hanno un decorso lungo.

Così come quando riascoltando una vecchia canzone di qualche anno prima ci può tornare alla mente una bella estate o una bella storia d’amore, così capitava che magari ripescando una vecchia videocassetta registrata dalla TV (lo so, i tempi del VHS sono lontani!) ci si poteva imbattere in un vecchio spot, magari visto centinaia di volte, che pensavamo di aver dimenticato. In un baleno ci ritrovavamo catapultati indietro nel tempo, come se si fosse creato un collegamento spaziotemporale.

 

 

Quanto può cambiare una stazione degli autobus!

Quanto può cambiare una stazione degli autobus!

Mentre camminavo, pensavo dunque al fatto che ci sono fotografie che possono invecchiare molto bene anche se nel momento in cui le scattiamo possono sembrare apparentemente prive di significato, al di là della bellezza (o bruttezza) dello scatto.

Se ci ritroviamo per strada, magari durante una sessione di street photography, non scartiamo a priori la fotografia di qualcuno che sta armeggiando con uno smartphone o un tablet; lo stesso per un cartellone pubblicitario che ci colpisce o una persona anziana che legge un giornale sulle panchine. Tra qualche anno tutto questo cambierà profondamente: alcuni di questi prodotti ci saranno ancora, magari diversissimi; altri, semplicemente, non ci saranno più.

 

 

 

foto

Auto di epoche diverse

Lo stesso dicesi per le abitudini: fotografare uno che fuma, uno che sale su un autobus, uno che usa gli auricolari. I vestiti, le automobili, gli accessori: tutto contribuisce a definire un’epoca, che prima o poi finirà.

Lo stesso vale per la nostra città. Per anni o decenni camminiamo lungo una strada, o attraversiamo con la nostra automobile sempre lo stesso incrocio. Un bel giorno qualcuno decide di modificare quella strada, che non sarà mai uguale a prima. Per una volta, percorriamola più lentamente portando con noi la nostra macchina fotografica.

 

 

Gibellina nuova

Gibellina nuova

Catturiamo grandi immagini col grandangolo per dare un’idea totale dello scenario urbano, ma non trascuriamo i piccoli dettagli: un ornamento della facciata di una chiesa, un camino particolare, un parchimetro. Se pensiamo che nessun sindaco vorrà modificare la facciata di un monumento, dalle nostre parti abbiamo imparato che può farlo la natura.

 

Del resto la fisica ci suggerisce che il tempo è una illusione, e poterlo fermare con la nostra macchina fotografica ce lo può far intuire in modo straordinariamente semplice.

 

Troppo tardi, questo pezzo è andato per sempre!

Troppo tardi, questo pezzo è andato per sempre! – Terremoto Ferrara 2012

 

 

 

 

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Se sì ci farebbe davvero piacere se volessi condividerlo sui social network usando i pulsanti qui sotto e se cliccassi sul tasto G+ al fine di renderlo più  accessibile sui motori di ricerca. Se poi non vuoi perderti nemmeno un nostro video o articolo, clicca su “Mi piace” nella nostra pagina Facebook, seguici su Twitter e abbonati gratuitamente al nostro feed RSS! Grazie!

Author: Paolo Niccolò Giubelli

Paolo Niccolò Giubelli nasce a Ferrara il 29 agosto 1983. Frequenta il liceo scientifico A.Roiti e poi la facoltà di ingneria informatica di Ferrara, dove si laurea nel 2007. Appassionato fin da piccolissimo all'informatica, nel 2006 è cofondatore dell'azienda ITestense di Ferrara, in cui da allora lavora nel settore internet, dove capisce che il ruolo dell'immagine, e quindi della fotografia, è fondamentale. Dal dicembre 2010 è cofondatore, assieme all'amico e collega Bruno Faccini, del blog "Occhio Del Fotografo", nato dall'idea di fondere la nostra competenza sul mondo internet con il nostro hobby preferito: la fotografia.

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookies Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Cosa sono i cookies? Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all'altra. Come utilizziamo i cookies? Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Come controllare i cookies? Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi – per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l'installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili.

Chiudi

Altro... Blog e pensieri
Contest natalizio – Il vincitore!

Il vincitore del nostro contest sui fuochi d'artificio di Natale 2014, e le immagini che ci hanno più colpito.

Chiudi