Come fotografare la luna

Molto spesso mi sento chiedere come si può effettuare la fotografia della luna. Eccone un esempio!

Come fotografare la luna

Il nostro bellissimo satellite è stato capace di ispirare l’umanità da millenni, ed è certamente un soggetto interessante; in questo articolo vedremo come fotografarla direttamente, ma ovviamente è possibile “sfruttarla” anche quando si riflette sul mare o nell’acqua in generale.

E’ fondamentale dotarsi di una focale di almeno 100mm, meglio ancora dai 200mm in poi. Questo ci consente di migliorare al massimo la definizione dei dettagli, quali i crateri e le pianure, che purtroppo con focali più corte si vedono a malapena e che in realtà rendono la fotografia più coinvolgente. Come secondo passo ricordiamoci di fotografare la luna quando non è piena, dato che una eccessiva luminosità non ci consente di ottenere i risultati migliori; questo è vero soprattutto dopo che il tramonto è passato da molto tempo, quando la luna ci sembra molto brillante. La terza cosa da ricordare è quella di sottoesporre di almeno 5 stop se si usa la macchina fotografia in modalità automatica o semiautomatica (cioè ad esempio in modalità tempi o diaframma). In particolare questa impostazione è comoda se si mantiene l’esposimetro impostato di default sulla modalità “valutativo”. Se si usa l’esposimetro impostandolo sulla modalità “spot” probabilmente la sottoesposizione necessaria sarà < 5 stop puntando precisamente sulla luna.

Come avrete capito questo tipo di fotografia si gioca quasi tutta sull’esposimetro. Infatti se ci pensate bene la luna è una sorgente di luce relativamente forte immersa in uno spazio praticamente nero. Più l’esposimetro ragiona in termini di “media”, più difficilmente riuscirà ad esporre bene la luna; probabilmente, soprattutto se la focale è corta e la luna è molto piccola rispetto al resto dell’immagine, in questo caso la luna verrà molto sovraesposta (e per questo è necessario sottoesporre). Più invece si spiega all’esposimetro che deve tararsi su un punto preciso, più quest’ultimo ignorerà il cielo nero si imposterà molto vicino al valore ideale, con la necessità di sottoesporre di pochi stop.

Per quanto riguarda il diaframma non ci sono controindicazioni particolari. Teoricamente anche un diaframma molto aperto va bene, dato che in questo tipo di fotografia la profondità di campo richiesta è nulla.

Ti è piaciuto questo articolo? Se sì ci farebbe davvero piacere se volessi condividerlo sui social network usando i pulsanti qui sotto e se cliccassi sul tasto G+ al fine di renderlo più  accessibile sui motori di ricerca. Se poi non vuoi perderti nemmeno un nostro video o articolo, clicca su “Mi piace” nella nostra pagina Facebook, seguici su Twitter e abbonati gratuitamente al nostro feed RSS! Grazie!

Author: Paolo Niccolò Giubelli

Paolo Niccolò Giubelli nasce a Ferrara il 29 agosto 1983. Frequenta il liceo scientifico A.Roiti e poi la facoltà di ingneria informatica di Ferrara, dove si laurea nel 2007. Appassionato fin da piccolissimo all'informatica, nel 2006 è cofondatore dell'azienda ITestense di Ferrara, in cui da allora lavora nel settore internet, dove capisce che il ruolo dell'immagine, e quindi della fotografia, è fondamentale. Dal dicembre 2010 è cofondatore, assieme all'amico e collega Bruno Faccini, del blog "Occhio Del Fotografo", nato dall'idea di fondere la nostra competenza sul mondo internet con il nostro hobby preferito: la fotografia.

Share This Post On

33 Comments

  1. Di sera capita di alzare gli occhi al cielo e rimanere stupiti di fronte alla bellezza della luna, e di pensare: "se avessi la mia reflex… scatterei proprio una foto". Ti sei mai chiesto quale obiettivo usare e come impostare la tua fotocamera?

    Post a Reply
  2. Di sera capita di alzare gli occhi al cielo e rimanere stupiti di fronte alla bellezza della luna, e di pensare: “se avessi la mia reflex… scatterei proprio una foto”. Ti sei mai chiesto quale obiettivo usare e come impostare la tua fotocamera?

    Post a Reply
  3. Una delle prime volte che ho provato, ho usato il 18-55mm con treppiede… ma la luna nella foto sembrava un fanale di una macchina…

    Post a Reply
  4. Una delle prime volte che ho provato, ho usato il 18-55mm con treppiede… ma la luna nella foto sembrava un fanale di una macchina…

    Post a Reply
  5. Questa foto l'ho fatta col 24-105, ovviamente a 105mm. Mi piacerebbe riprovare a focali più lunghe, ma ancora non ho la lente! Ho letto in giro di alcuni che tentano si suggerire tempi di esposizione lunghi, ma non serve a niente, e anzi, ricordando che la luna è in moto relativo con la terra, la foto verrebbe pure mossa!!

    Post a Reply
  6. Questa foto l’ho fatta col 24-105, ovviamente a 105mm. Mi piacerebbe riprovare a focali più lunghe, ma ancora non ho la lente! Ho letto in giro di alcuni che tentano si suggerire tempi di esposizione lunghi, ma non serve a niente, e anzi, ricordando che la luna è in moto relativo con la terra, la foto verrebbe pure mossa!!

    Post a Reply
  7. interessante presto le faro anchio

    Post a Reply
  8. Facci sapere, mi raccomando!

    Post a Reply
  9. Perchè la profondità di campo richiesta in questo tipo di foto è nulla?
    Ho pensato che magari dipenda dal fatto che, trovandosi la luna ad una distanza molto alta la fotocamera è come se considerasse "piatta" la luna e dunque anche un'apertura alta del diaframma la mette a fuoco per intero? Non vorrei aver detto una sciocchezza! Vi ringrazio anticipatamente!

    Post a Reply
  10. Perchè la profondità di campo richiesta in questo tipo di foto è nulla?
    Ho pensato che magari dipenda dal fatto che, trovandosi la luna ad una distanza molto alta la fotocamera è come se considerasse “piatta” la luna e dunque anche un’apertura alta del diaframma la mette a fuoco per intero? Non vorrei aver detto una sciocchezza! Vi ringrazio anticipatamente!

    Post a Reply
  11. E' esattamente come dici tu! Infatti quando giri l'obiettivo per mettere a fuoco ad un certo punto la tacca è indicata col simbolo di infinito, questo perché da quella distanza in poi per l'obiettivo è tutto a fuoco.

    Post a Reply
  12. E’ esattamente come dici tu! Infatti quando giri l’obiettivo per mettere a fuoco ad un certo punto la tacca è indicata col simbolo di infinito, questo perché da quella distanza in poi per l’obiettivo è tutto a fuoco.

    Post a Reply
  13. Bruno Faccini Io ho fotografato la luna con il 18-55 di una nikon D3000, ed è venuta perfetta, e naturalmente non ho usato programmi in post produzione. Solo la buona volontà…e una mano MOLTO ferma!

    Post a Reply
  14. La luna come i pianeti, vuole essere ripresa con una telecamera, per dare la possibilità di selezionare il frame migliore, ma si possono avere anche buoni risultati con una reflex e telecomando per evitare vibrazioni, consiglio di usare un cavalletto con inseguimento con assi motorizzati in equatoriale per potere avere l'oggetto sempre nel campo dando la possibilità di fare più scatti con meno stress, l'ottica vuole una focale di almeno 1000mm per poter catturare tutta la circonferenza della luna con le ombre e i dettagli dei crateri.

    Chiedo scusa per questo intervento, per caso ho letto questo post e in quanto il mio hobby è l'astro fotografia ho pensato di dare qualche consiglio.

    Post a Reply
  15. La luna come i pianeti, vuole essere ripresa con una telecamera, per dare la possibilità di selezionare il frame migliore, ma si possono avere anche buoni risultati con una reflex e telecomando per evitare vibrazioni, consiglio di usare un cavalletto con inseguimento con assi motorizzati in equatoriale per potere avere l’oggetto sempre nel campo dando la possibilità di fare più scatti con meno stress, l’ottica vuole una focale di almeno 1000mm per poter catturare tutta la circonferenza della luna con le ombre e i dettagli dei crateri.

    Chiedo scusa per questo intervento, per caso ho letto questo post e in quanto il mio hobby è l’astro fotografia ho pensato di dare qualche consiglio.

    Post a Reply
  16. Ciao Maurizio, hai fatto benissimo ad intervenire mettendo a disposizione di tutti noi la tua competenza nel settore! Tra l'altro approfitto dell'occasione per complimentarmi per le astro foto ("stellari" direi :D) che hai inserito nel gruppo flickr, molto belle!

    Post a Reply
  17. Ciao Maurizio, hai fatto benissimo ad intervenire mettendo a disposizione di tutti noi la tua competenza nel settore! Tra l’altro approfitto dell’occasione per complimentarmi per le astro foto (“stellari” direi :D) che hai inserito nel gruppo flickr, molto belle!

    Post a Reply
  18. Grazie Bruno, mi lusinga il poter essere utile a qualche amico che vuole provare a fotografare le bellezze che ha da offrirci il cielo e ricambio i complimenti per il lavoro che state conducendo con il video corso di fotografia.

    Post a Reply
  19. Grazie Bruno, mi lusinga il poter essere utile a qualche amico che vuole provare a fotografare le bellezze che ha da offrirci il cielo e ricambio i complimenti per il lavoro che state conducendo con il video corso di fotografia.

    Post a Reply
  20. Non si potrebbe chiudere un po' il diaframma per avere una maggiore nitidezza? (Sto dicendo una sciocchezza?)

    Post a Reply
  21. Non si potrebbe chiudere un po’ il diaframma per avere una maggiore nitidezza? (Sto dicendo una sciocchezza?)

    Post a Reply
  22. Vi ringrazio dei consigli utili e sopratutto gratuiti in un mondo dove nessuna informazione viene data al prossimo 'liberamente'..
    Ma quindi per fotografare bene la Luna, apparte la lunghezza focale almeno di 200mm un treppiede che tenga ferma l'immagine.. bisogna sottoesporre l'immagine? Quindi avere uno scatto ''veloce'' ?
    Grazie mille!! (ps ho preso la reflex nikon d 3100 meno di una settimana fa 🙂 )

    Post a Reply
  23. Vi ringrazio dei consigli utili e sopratutto gratuiti in un mondo dove nessuna informazione viene data al prossimo ‘liberamente’..
    Ma quindi per fotografare bene la Luna, apparte la lunghezza focale almeno di 200mm un treppiede che tenga ferma l’immagine.. bisogna sottoesporre l’immagine? Quindi avere uno scatto ”veloce” ?
    Grazie mille!! (ps ho preso la reflex nikon d 3100 meno di una settimana fa 🙂 )

    Post a Reply
  24. Vi ringrazio dei consigli utili e sopratutto gratuiti in un mondo dove nessuna informazione viene data al prossimo ‘liberamente’..
    Ma quindi per fotografare bene la Luna, apparte la lunghezza focale almeno di 200mm un treppiede che tenga ferma l’immagine.. bisogna sottoesporre l’immagine? Quindi avere uno scatto ”veloce” ?
    Grazie mille!! (ps ho preso la reflex nikon d 3100 meno di una settimana fa 🙂 )

    Post a Reply
  25. ciao ragazzi, potete spiegarmi meglio il discorso dei 5 stop di sotto esposizione?
    dalle prove da me fatte, diciamo che ho trovato un buon equilibrio con una velocità di 1/180-1/250 con f che va tra i 9 e gli 11 (con la luna piena, il tutto fatto su un cavalletto, iso 100
    la macchina è una Nikon 5100 con un 55/300, le foto fatta a 300mm, solo che vengono con i contorni della luna non definiti… perche?? mi sta facendo impazzire questa cosa.

    sono riuscito a farne una netta (mezza luna) ma a 1/1500 f5,6 iso 400 ed è venuta (per me) benino – come posso farvela vedere?

    grazie mille per il supporto!

    Post a Reply
  26. ciao ragazzi, potete spiegarmi meglio il discorso dei 5 stop di sotto esposizione?
    dalle prove da me fatte, diciamo che ho trovato un buon equilibrio con una velocità di 1/180-1/250 con f che va tra i 9 e gli 11 (con la luna piena, il tutto fatto su un cavalletto, iso 100
    la macchina è una Nikon 5100 con un 55/300, le foto fatta a 300mm, solo che vengono con i contorni della luna non definiti… perche?? mi sta facendo impazzire questa cosa.

    sono riuscito a farne una netta (mezza luna) ma a 1/1500 f5,6 iso 400 ed è venuta (per me) benino – come posso farvela vedere?

    grazie mille per il supporto!

    Post a Reply
  27. ieri avevo scritto un commento… ma non lo trovi più 🙁

    Post a Reply
  28. E se invece si volesse fotografare un cielo stellato, in una zona nella quale non si ha un’inquinamento luminoso da grande città ma costellazioni come Orione, od oggetti come le Pleiadi ben visibili?

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookies Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Cosa sono i cookies? Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all'altra. Come utilizziamo i cookies? Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Come controllare i cookies? Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi – per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l'installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili.

Chiudi